traduci

venerdì 17 marzo 2017

i fiori di Frida - la mia nuova collezione NearteNeparte

Ho "conosciuto" Frida Kahlo e la sua pittura esattamente 23 anni fa, ero all'ultimo anno del liceo, e mi accingevo a realizzare la "tesina" per la maturità. Ho frequentato il liceo artistico e la tesina prevedeva soprattutto la realizzazione di tavole d'arte e sculture su un tema a scelta fra quelli proposti dai prof. Ricordo di essermi imbattuta in Frida, che non conoscevo assolutamente, e di essermi chiesta "ma perchè mai non ci hanno fatto portare questa artista all'esame?" 
Le due Frida- (il primo quadro che mi ha fatto conoscere Frida)
 All'epoca c'era la pantera, la guerra del golfo ed io ero piena di entusiasmo ed energia per cambiare il mondo, partecipavo a tutte le manifestazioni e amavo leggere e conoscere donne di grande carisma a cui ispirarmi e la sua pittura, così cruenta, così femminile e materna mi sembrava oltre la metafisica di De Chirico (uno degli artisti della maturità appunto) e poi era una donna, cavoli!

Ho ritrovato Frida più o meno dopo 10 anni, leggendo la sua biografia, non sapevo ancora fino in fondo la sua storia, la sua vita, così, improvvisamente, i suoi dipinti mi apparvero chiari e la sensazione che ebbi 10 anni prima, alla maturità era vera. 
Chi non ama l'artista, la donna, la rivoluzionaria, Frida Kahlo? "Viva la vida" non è solo il suo famoso motto ma è una visione ormai di moltissime donne che in lei rivedono una figura importante che è stata capace di lottare con tutta se stessa nonostante le difficoltà incontrate ed io, oggi, a distanza appunto di 23 anni dalla prima volta che l'ho conosciuta, ho deciso di dedicarle una collezione che ho voluto chiamare "I Fiori di Frida".

Mi sono ispirata ai suoi amati fiori perchè i fiori e le piante sono alla base dell'ecosistema, senza i quali non esisterebbe gran parte della biodiversità quindi per quanto un fiore possa apparire fragile o effimero, esso in realtà è il frutto di migliaia di anni di evoluzione e nulla del suo essere è casuale.

Questa collezione prevede:  accessori moda, art doll e accessori per l'home decor.

Questa settimana vi presento i dipinti pret à porter realizzati in lana cardata, lavorati con la tecnica del feltro ad ago e montati su telaio da ricamo di 15 cm di diametro. Ho raffigurato i fiori più importanti per Frida, scegliendo soprattutto quelli autoctoni (nati in quel luogo e perfettamente integrati in esso) e quelli più significativi. La lavorazione del feltro pittorico è senz'altro una variazione dell'uso della tecnica ad ago e devo dire che riesce a dare davvero grandi soddisfazioni. Se vuoi vedere tutti passaggi del lavoro, puoi andare sul mio profilo IG nearteneparteweb . Il primo dipinto che vi presento è un fiore, anzi, una pianta, da noi molto conosciuta per la bellezza dei suoi colori, è la Bounganvillea o Buganville. E' una pianta scoperta alla fine del 1700 da un esploratore (era ancora l'epoca dei "Grand Tour" ) che diede il nome alla pianta, Louise Antoine de Bougainville che la portò in Europa  dove iniziò ad abbellire tutti i più famosi giardini di nobili ed aristocratici.  Appartiene alla famiglia delle Nyctaginaceae a cui appartengono anche le famose "Belle di notte". Il significato di questa pianta è senz'altro in linea con la nostra Frida, perchè vuol dire "BENVENUTO" e sappiamo che quest'artista era una donna sempre pronta ad accogliere amici o chi ne avesse bisogno. Frida amava ospitare amici nella sua bellissima villa, dove aveva un meraviglioso giardino da cui traeva ispirazione per trovare quel senso di pace ogni volta che dipingeva dal suo letto quando era impossibilitata a muoversi.                    
Il dipinto pret à porter "Boungavillea" è per una donna-Frida:
-accogliente
-estrosa
-amorevolmente protettiva
-che ama il viola e le sue sfumature dal magenta al rosso 
 Se vuoi anche tu un dipinto pret à porter della collezione nearteneparte-primavera2017 "I Fiori di Frida" contattami nearteneparteweb@gmail.com



Nessun commento:

Posta un commento